Tintinni come l’acqua scrosci

Tintinni come l’acqua scrosci,

bende garze e veli

cieli verticali tra noi

ammalati di lontananze

eppure tutto preme troppo vicino

nel gioco dell’incastro

nei mobili della stanza

della luce artificiale

tutto troppo elettrico

e tu non sei uguale

noi non siamo uguali

sbriniamo con poco amore

esci dalla macchina e sali

accostati con le gambe

sai di fiume oltre gli argini

strade di terra e ranuncoli

di mare che si muove

sotto gli assi di legno di una barca

di quelle intercapedini sai

che viene voglia di allargarle

e affondarci.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...