Pasqua e pasquetta

Pasqua è una parola legata alla carne,
al “passaggio” di una salciccia alla brace
amoreggiare a pancia piena.
A me ha stufato parlare di baci,
ci sono riusciti a farli diventare come passaggi
di pornografia, la carne è la parola più pesante che ci sia.
Questo svegliarsi di primavere che perdo il conto
più sono forti e più devo sedarle,
non mi consola la primavera
c’è lavoro a districarsi perfino tra le poesie
trovare qualcosa che libera
dalla morbosità, dall’ovvio dell’indigestione.
A pasqua le parole sembrano fatte di carne
più che in altri luoghi dell’anno.
Ti dicono che c’è anche carne in cielo,
come se non bastassero
i prati presi d’assalto, ed i fiumi
carne nutrita di carne che crea carne
e ritorna carne anche se muore.
C’è solo il vento che muove una tendina a casa mia.

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...