nella loro protetta linfa

Ci sono casolari (spero ancora diroccati)
In cui v’è tra i rovi, sotto i coppi
ciò che crea le canzoni.
Ed immaginarli è come aver le tue mani
sotto il mio naso.
Ci sono casolari d’annusare
in cui il tempo sosta adolescente e vecchio,
e si veste ogni giorno con la stessa gonna
e la stessa ruga.
Da quei luoghi, la città è una cappa scura,
fuori misura.
Ma il grande lavoro delle cortecce degli alberi
ci isola dallo scempio
nella loro protetta linfa,
ci adempiamo alla legge dei cani
per amarci a modo nostro, senza padroni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...