il gelato sulle mani

La pace delle barchette ormeggiate,
da qualche parte cullate
dove il celeste sul legno vissuto
s’intuisce anche di notte come una madre.
Intanto qui il cantiere della metro,
è fermo da anni sul sottopassaggio,
ed il sud più vicino è la gelateria sul corso.
Come api in cerca di una cella di miele,
anziani gocciolano come bambini
il gelato sulle mani
questo cadere di fiori
è un’altro nome di festa che svanisce
e si prepara a far l’amore
su un passato di parole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...