Eugenia.

Eugenia si era convinta
che per essere felice,
doveva eliminare dalla sua vita,
le persone negative.
E togli e pota, e rimescola e sciupa,
si screma la vita. Togli ancora quello.
Quante cose le diceva il suo cervello. -non ho tempo da perdere
con persone negative.-
Venne il giorno che si trovò sola,
meglio che mal accompagnati diceva.
Nel suo eremo mentale, continuava a vedere solo le ombre da scartare.
Le parve che anche la notte fosse negativa,
e a forza di giudicare le parole,
divenne una poesia con un sole artificiale.
Le parole positive divennero fredde,
meccaniche, senza sapore,
come quelle delle persone vincenti:
fare, fare, fare, come asfaltare il confronto,
sparì dalla sua vita la gente di poco conto.
Per trovare l’oro perse il fiume, e la pioggia,
ed il tempo sprecato a sprecare tempo,
dove la vita era libera, di creare miracoli.
Andrea Gruccia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...