ti abbraccio in tutto il corpo

L’aria filtrata da finestre colorate
mia madre che pulisce gli stessi mobili di ora
e sghiaccia il frigo scalfendo il ghiaccio
con la forchetta e l’aceto
ringrazio di essere nato in una famiglia umile
una dozzina di uova incartate in carta da giornale
i sorrisi degli zii i loro divani su cui sprofondare
mio padre che soffia via i semi vuoti
e rimette acqua ai canarini
una pianta grassa presa al mare
un piccolo televisore in bianco e nero
quali amuleti ho perduto e quali occhi
le amiche formiche in fila sugli alberi
ancora aspetto di crescere
in quei sperduti anni ottanta
e di offrirti la mia adolescenza
ti abbraccio in tutto il corpo
i sogni e i deliri di un bambino
questo mio essere uomo.

…..

Ho visto donne ballare come foreste

e foreste aprirsi come donne nel silenzio dell’inizio

ho amato giovani betulle

e donne oceano con il timore della fine

ho abbracciato ghiacciai

e sguardi capaci di farmi fiorire gli occhi

la forza che traina la gioia di vivere

è un tocco di maestria

una carezza con tutto questo dentro

e ho pianto perché non era mio

uno strato di muschio ci separa dall’inferno

ho visto donne ripopolare uomini

con teste abbassate a guardare  piastrelle

vorrei avere parole leggere da farti nel vento aquilone.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...