1989

Ci fu un’estate avevo 15 anni, imparai a guidare il trattore
per stare lontano da mio padre
aveva detto mio zio,
per non vederlo consumarlo dal tumore
per farmi distrarre,
con Tonio un altro mio zio
con problemi mentali
a costruire steccati per un ippodromo
ma nulla mi distrasse quell ’estate,
i campi di peperoni da legare sotto al sole
il ritornare a casa alla sera
vederlo piangere sullo sdraio
sotto l’uva che avevamo piantato insieme
dicendo che era la sua ultima estate
i miei amici sui motorini
a chiedermi se era tutto vero
parlavano di ragazze
mio zio un anno prima ci aveva beccato
con i giornalini porno doveva farsi i cazzi suoi
mio padre stava ancora bene
era imbarazzato
quei maledetti peperoni
quelle parole che non volevo sentire
avevo solo una bici e gambe per correre
e una strategia da studiare
mio zio mi regalò una bici da corsa
per tutta l’estate
ma non servì a nulla
smisi di correre, per molti anni
per molti anni mi rifiutai di crescere
sotto quel maledetto sole.

Annunci

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...