Mi è lecito pensare

Mi è lecito pensare, più che fare

mi è consentito osservati fino

allo strapiombo delle tue curve

mi è lecito pensare alle tue gambe

che m’avvolgono la schiena

e mi saldano nella tua porzione di eternità

con i calcagni premuti

ma non rimane tra le mani il tuo odore

qualcosa retrocede

tutto è in fase di allenamento

i tram le auto, l’insulso aspettare

tutto questo maledire per un gioco di squadra

mentre tu corri su un fuoristrada

sono diventato forte

ma non so in che cosa

mi è lecito pensare

alle tue mani umide e fresche

come un pulsare di mari e ginestre

come pioggia sugli occhi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...