Riflessione sul buio

– Amore a cosa pensi?
-Mi balenava l’idea… ma se il regno vegetale non centrasse proprio nulla con noi? Voglio dire, siamo totalmente differenti, e a quanto pare le piante e i fiori stanno benissimo senza le persone, anzi forse meglio, in certe foreste rimaste incontaminate continuano a fare quello che hanno sempre fatto. Fiorire per gli insetti e per i vermi, e milioni di invertebrati.
-Ma perché queste paranoie ti vengono sempre di domenica? Ok oggi non abbiamo fatto l’amore e nemmeno ieri, siamo fiacchi tutte e due ma che centrano i fiori?
-Eugenia,i fiori ecco , ma se andasse tutto storto perché non si lasciano in pace i fiori?
-Ma loro dimostrano il loro amore verso di noi, fiorendo,o si ammalerebbero, invece ci regalano i profumi , i colori e le verdure poi, le verdure poverette forse hai ragione ma solo per le verdure cresciute in modo intensivo,dovrebbero avere la possibilità di pascolare liberamente.
-Eugenia Siamo come due regni lontanissimi, loro vivono in un’altra dimensione, vegetano, e forse percepiscono noi come esseri in stato comatoso, magari ogni tanto anche loro sentono un umano profumato o luminoso ma dove hanno gli occhi? Ti rendi conto loro vivono immersi nel buio e fioriscono! E’ pazzesco, ammettiamo che sentano il calore perche quello lo sentono è evidente, ma tutto il resto? Come fanno a non annoiarsi mai, a non rompersi il cazzo di crescere per mille anni nelle foreste delle tundre?
-A me i boschi di notte fanno paura, ma loro non hanno paura, è come hai detto tu non vedono e quindi la notte e il giorno per loro è solo un cambiamento di calore.
-Eugenia se fossi un albero io avrei paura dei lupi, se fossi un albero isolato e dovessi passare tutta la vita senza abbracciare nessuno, mi sparerei.
-Ma loro non hanno la possibilità di spararsi, non penso che le piante o fiori pensino al suicidio, pensano a riprodursi e a crescere, sono come gli animali, sono felici di esistere magari si parlano,provano piacere, che ne sai tu. E poi noi esistiamo perchè esistono loro, noi gli diamo l’anidride carbonica e loro ci danno l’ossigeno.
-Tesoro facevano così anche con i dinosauri, cmq una cosa è sicura, noi respiriamo una cosa che non conosciamo, c’è qualcosa dentro l’aria, qualcosa del loro buio.
-Si però è un buio che ci fa bene, quello che è anche dentro di noi e ci fa provare amore e ci fa vedere. Il buio è qualcosa di eccitante. Certe cose che sono belle nel buio, alla luce fanno schifo, o terrore, nessuno si innamorerebbe più se non fossimo fatti di buio.
-Quindi il buio è amore?
-Penso proprio di si.
-Eugenia allora m’imbuio d’immenso per te
-Oh che carino, ora facciamo a pezzi del basilico, e imbuiamoci nel grande mistero del pesto.

Annunci

2 comments

  1. Non sono così sicura che le piante non vedano. Voglio dire, loro seguono la luce e forse nei boschi non hanno paura dei lupi perché la loro minaccia più grande è la motosega, il vento, la neve. Ma questo non c’entra niente con il fatto che questo è davvero un bellissimo post!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...