Puoi amare anche me come una cosa mezza rotta?

Le cicatrici che non si vedono , mica ce l’ hanno solo gli uomini, gli alberi, gli animali, ma anche le pesche sciroppate. Eugenia al mercato, sceglie sempre la frutta ferita. –Posso scegliere io?- Dice. E sceglie la frutta tempestata, oppure crepata dalla pioggia, non perché costa meno, ma perché secondo lei ha qualcosa in più. –Secondo me la frutta che è guarita dalle ferite, è più simile agli uomini- dice. E poi a volte prende anche la frutta mezza marcia, per salvare la metà buona. In casa sua molte cose hanno cicatrici, i mobili ad esempio, li compra mezzi rotti e poi li rincolla, li seppia, o li lascia così, senza una gamba, o un’anta, è una restauratrice universale. Però è anche una rompicoglioni, quando si mette. Ad esempio adora scartavetrarmi, con la cartavetro a grana grossa. Lo chiama “peeling”, e lo fa mentre dormo, mi scartavetra gli spigoli, mi vorrebbe tutto liscio come pinocchio. – Puoi amare anche me come una cosa mezza rotta?- Lei dice che scartavetrarmi la rilassa, così la lascio fare, e a volte è un amore vederla così tutta presa con le sue dita sottili, darmi leggere cartavetrate al naso, mentre ci diamo dei bacini, dice che i batteri non devono entrare, devono scivolare via…- dobbiamo diventare simili a due sfere, io ti levigo per farti combaciare di più a me.- E’ fatta così, è un amore.

One comment

  1. Fantastica l’idea di amare di più la frutta e i mobili con le cicatrici; che vanno amati di più, non di meno rispetto agli altri. Sarà che in questo periodo mi sto scoprendo un po’ animista, ma guarderò il tavolo della cucina con affetto ancora maggiore 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...