per un bacio così

Il tuo corpo in controluce,
un’ombra , che ho fotografato,
un albero di ciliegio visto dalla macchina,
un tempo mi sarei fatto una sega pensando al passato,
ma ora ho troppa malinconia per cercare quelle cose,
un mio amico mi ha raccontato di una puttana
l’ha baciato con la lingua, aveva la figa stretta,
30 euro, ha detto che sembrava inesperta.
Mora, bel corpo, sui trent’anni.
Era molto depresso, crede di essere brutto,
e forse effettivamente lo è.
Prima di andare con questa era andato con un’altra,
gli ha fatto un lavoro veloce,
ha detto che è stato come metterlo in una centrifuga.
Si confida con me perché a bellezza siamo messi
allo stesso modo . E poi erano anni che non cadeva in tentazione.
Si fa un sacco di paranoie per queste cose.
Gli ho detto di pensare a questo incontro come una cosa bella.
A volte bisogna dire che hai fatto bene anche a rubare,
gli amici vogliono consolazione, non giudizi.
Sono ritornato a casa più malinconico di prima.
Che profumo avrebbe mio figlio?
Che faccia avrebbe?
Ci andrei con una puttana per un bacio come quelli,
l’ultima donna che ho baciato, era febbraio,
stava uscendo la primavera,
e nel frattempo ne ho scritte di cose d’amore,
ma ho bisogno di petrolio per accendere il desiderio di parlarne,
un bacio come quelli è benzina per chilometri,
una strada sconfinata tra saguari.
Cercati una donna. Dicono.
Io darei il mio indirizzo, direi venite!
Ho voglia di baciare, credo di baciare bene,
nessuna mi ha mai detto che bacio male, non in faccia.
I baci ti fanno amare di più gli alberi,
ora non mi dicono nulla,
sono incastonati nella loro esistenza,
tutto diventa routine,
a volte cerco la pelle tra le pagine di poesia,
a volte in quelle poesie bacio uomini,
spolpo quelle pagine, le scavo,
per scrivere cose ora lancio bombe nel nulla,
dinamite in una miniera che conosco,
devo fare a pezzi i miei ricordi per trovare una vena buona,
a volte ho paura che tutto mi scoppi tra le mani.
Quale donna potrebbe sopportarmi?
Io pagherei per un bacio così.
Il tuo corpo, in controluce,
a volte la cosa più innaturale al mondo
è la felicità.

4 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...