Katmandu

Così ho comprato una campana tibetana, l’ho presa perché il suo suono mi fa immaginare le montagne di Kathmandu e su queste cose devi andare a sensazioni. Ho cercato Kathmandu su google e ho cliccato su Kathmandu Nightlife, e ho detto “Cazzo che fighe” non le montagne ma le ragazze Kathmandulesi, e poi ho pensato al libro di Duchaussois, “Katmandu il grande viaggio”, e agli Hippies, ai figli dei fiori, ed in un attimo mi sono immaginato a woodstock, con la campana tibetana tra le gambe e Hendrix che accorda la stratocaster bianca, boccate di fumo bianco nell’aria, ed il fango sulle tette e sui jeans dei ragazzi,” what campana tibetana?” Mi dice una ragazza bellissima,io le faccio vedere come si usa il batacchio, lei mi strizza l’occhio, mi tolgo la maglietta ci baciamo,sembriamo vibrare all’unisono, e quando Jimi attacca l’inno americano, la ragazza mi lascia con un “Peace e love no war”, mi sono messo la campana tibetana sulla testa,sono arrivati gli elicotteri i viet cong, apocalypse now, Morandi che canta tatattatata…tatatatata…il fango è diventato merda, lui è felice come una pasqua, i figli dei fiori sono sfioriti e hanno lasciato il posto a tante barbarie d’urso, un incubo, i soldati ne fanno fuori a centinaia con gli M16, sto chiamando i rinforzi, le d’urso sparano merda a ripetizione con 64 denti a led, Robert Plant scende da un led Zeppelin in fiamme, pianta un acuto che fa arretrare l’incubo, rimane solo il sogno.

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...