Barchette

Ad una mia amica, in questa stagione le spuntano sui capelli delle piccole bacche rosse, e siccome ha capelli lunghissimi, si vergogna ad uscire (perfino a parlarne con altri) e si fa togliere quelle strane bacche da me. Oggi ho passato il pomeriggio a raccogliere questi frutti, non le ho detto che poi alcuni li mangio e altri li semino , da questi nascono strane barchette colorate di legno che crescendo diventano autonome in tutto per tutto. Navigano sospese per la casa, con le loro rotte misteriose, a volte si assemblano tutte assieme sul soffitto , a seconda che ci siano correnti di malinconia o felicità si agitano in turbinii di flutti invisibili. Sono capaci di sopportare piccoli carichi, biglie di vetro soprattutto, ma a volte di notte, da quelle barchette mi sembra di sentire degli echi ; risate, voci di feste lontane, l’infrangersi di onde. Di sicuro so’ che amano le carezze, anzi direi proprio che le carezze sono il loro motore, mi sento come un distributore della Tamoil, ogni tanto arrivano, si posano sulla mia pancia, le accarezzo e ripartono.

4 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...