La rete

C’è un’altalena sospesa tra due ceppi d’aria.
E prima e dopo nessun dolore da ricordare,
solo l’incessante felicità, nell’aria.
Che tu rida o pianga, felicità nell’aria.
Possiamo abbracciarci lì ?
Perché queste montagne di nausea e vomito,
non pensavo crescessero così; è indicibile.
Mi fanno tenerezza gli spiriti giovani,
che ancora non sanno,
c’è un limite al gioco, una rete infinita.
Come pesci, i sogni impigliati. Muoiono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...