Prima ancora

 

Una rana con gli occhietti al sole,

ha le manine innocenti, dentro la palude.

Le dico “ciau” e compaiono i pesciolini rossi.

Questo rio, sembra la vena di una dea, una vena senza pareti.

E parte tutto da lassù, da quel ciglio di neve al sole.

Così sappi che quando ci baceremo,

non darò per scontato il tuo inferno di neve.

Perché le  tue natiche erano appoggiate nel muschio

sul dorso di una betulla.

Prima ancora.

Che la tua pelle bianca, si facesse albero per me.

E aleggiavi tra gli sconfinati e distesi prati, arrossati di petali.

Prima ancora, di cercare una farmacia aperta,

per  questi papaveri appassiti, su cui fare nascere sospiri,

ad ogni piccola attenzione, premura, carezza.

Ci siamo amati su prati calpestati,

come soldati usciti da una guerra,

e sui tuoi passi, topolina,

ho seguito la tua andatura, 

tu la mia ,

Prima ancora,

di fare l’amore davanti allo specchio.

Se un giorno ci perderemo,

in uno di quei pomeriggi assonnati,

ci riprenderemo tra le braccia ?

Ci ricorderemo di esserci così tanto vissuti?

 

Copyright : Andrea Gruccia.

Immagine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...