Nella stanza

Non c’è separazione;

solo calore in punti diversi.

Eravamo mirtilli con la stessa valle

oppure lampadine nello stesso supermercato.

Con una mano sono un bambino che disegna i ricordi

Con l’altra, un uomo che li vende,

li annienta, li occupa.

Faccio pasticci, intreccio violette e peli

in effetti potrei anche depilarmi con una buona cera

e fare finta di essere un adolescente 

cercare un portone, suonare ad un campanello con un bel cognome.

Presentarmi come una poesia nuda.

Qualcuno mi dirà:

-Chi è lei?

-Una poesia nuda!

-Cosa vuole dire?

-Ho sbagliato persona.

 

 

Foto e testo ©Andrea Gruccia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...