Le tue gambe lunghissime

Sulle mie ginocchia hai posato le tue gambe lunghissime,

più lunghe di questi treni che vanno ai mari.

più delle scie degli aereoplani.

Le tue mani fini, che sanno impreziosirmi 

 mentre mi  tocchi, mentre mi sussurri;

 muta, lingua scintillante nella mia bocca.

Mentre mi baci,

per goderti meglio, apro leggermente gli occhi,

come ad aprirmi ad un prato,

t’osservo godere, lo stesso mio desiderio.

La stessa mia sorpresa.

Penetro un papavero,

mi stringi il sesso,

come pelle che cresce e riaffiora.

In un ti amo, ancora!

Dovevo essere più ebbro ,

bisogna esserlo di più,

di quel vino rubato ai mediocri.

Mentre provavi un  trucco leggero, una nuova crema,

 e struccavi il mondo,  per diventare solo l’odore che volevo

ed io per te, mio nasino fine,

l’odore a cui appoggiarti.

Così continuerò ad assaggiarti,

nei tuoi canali, fatti di profondi oceani

quei frutti rotondi sospesi,

Rivoglio  i tuoi fianchi, ancora di più!

Perché ho ricominciato  a guardare la t.v.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...